Monete Italiane: 500 lire Caravelle

Monete Italiane: 500 lire Caravelle:

Le repubblica italiana ha emesso tramite la zecca di Roma monete d’argento da 500 lire 
a partire dal 1958 e fino al 1967.
I tipi emessi sono stati tre, normalmente denominati “Caravelle”, Unità d’Italia” e “Dante”.
Tutte queste monete d’argento hanno un diametro di 29 mm, un peso di 11 g ed il titolo è di 835/1000.
Dopo il 1967 il costo delle monete d’argento e la presenza di fenomeni di tesaurizzazione, sconsigliò il proseguimento di questo tipo di coniazione che terminò.
Monete d’argento del tipo “Caravelle” e con molti altri tipi furono comunque coniate appositamente per il mercato dei collezionisti e vendute dalla zecca a prezzo maggiore di quello nominale.
(quella in alto è del primo anno di conio, il ’58).
La moneta fu coniata dal 1958 al 1967. Il busto femminile al dritto è di stile rinascimentale e i 19 stemmi sono quelli della città capoluogo regionale dell’epoca (Genova, Torino, Aosta, Milano, Trento, Venezia, Trieste ed Udine, Bologna, Firenze, Ancona, Perugia, Roma, L’Aquila, Napoli, Bari, Potenza, Catanzaro, Sicilia, Cagliari). In basso è la legenda GIAMPAOLI, il nome dell’autore, Pietro Giampaoli.
Al rovescio sono raffigurate le tre caravelle in navigazione verso destra, intorno “REPUBBLICA ITALIANA” in basso soni riportati il valore, il segno di zecca (R) e VEROI, l’autore, Guido Veroi.
La prova di questa moneta, tirata in 1004 copie nel 1957, ha le bandiere controvento.
Questa moneta del 1957 con le bandiere controvento è rarissima, coniata in soltanto 1004 esemplari: inoltre presenta la scritta Prova oltre alla parola REPUBBLICA invece che REPVBBLICA.
Al dritto è raffigurato un busto femminile di stile rinascimentale ispirato a Letizia Savonitto (moglie dell’incisore Pietro Giampaoli) con i 19 stemmi delle città capoluogo regionali dell’epoca.
Link numismatica:
http://www.lamoneta.it/
Annunci

4 thoughts on “Monete Italiane: 500 lire Caravelle

    1. vorrei sapere la differenza di valore tra la 500 lire con vele controvento con scritta repubb. o con scritta repvbb.. grazie è la prima volta che mi inserisco in questo settore e credo di dover chiedere altri consigli.

      1. Gentile Nico Caterini,
        la ringrazio intanto per essersi soffermato sul mio sito, dove espongo sotto forma di post, gli oggetti della mia collezione e appartenenti alla mia famiglia dalla seconda metà dell’800. (come le monete)
        Nello specifico, premetto, che la mia collezione verte sul collezionismo cartaceo (1885-1925circa) e sulle ceramiche colandine, Non mi interesso di numismatica a livello professionistico, ma ho diverse monete di una certa importanza storica, che mi hanno indotto ad effettuare ricerche e studi in merito, mettendoci la passione che mi contraddistingue e che dedico ad ogni oggetto di cui mi meraviglio. Cautela e descrizioni dettagliate, gli strumenti essenziali.
        Mi sento di scriverle che il suo approccio, nel chiedere consigli intendo, mi è sembrato un ottimo punto di partenza. Lo studio e l’attenzione e la curiosità devono appartenere sempre al collezionista, anche al più esperto e longevo.
        Le invierò alcuni link, (filtrati da una mia personalissima ricerca, nessun riferimento a conoscenze o sponsorizzazioni) dove potrà leggere ed informarsi meglio, spero, trovando risposta al suo quesito. (il valore, se FDC è di diverse migliaia di euro)

        Spero vorrà ancora seguire il mio sito e le mie collezioni e di destare il suo interesse, le auguro un buon viaggio nel mondo del collezionismo.

        http://www.casadastemontenegro.it/pdf/terza/rep%20italiana.pdf
        http://www.numismaticinip.it/CollezionareMonete.aspx
        http://www.numismatica.it/
        http://www.attracco.it/monete.html
        http://www.lamoneta.it/topic/78482-moneta-da-5oo-lire-dargento-con-vele-al-contrario/

        “Il collezionista possiede una preziosa qualità, la capacità di meravigliarsi del mondo e dei suoi oggetti, di intuirne la potenza evocativa, di entusiasmarsi della loro scoperta, di creare nessi tra i grandi capolavori e le piccole cose che ne hanno costituito il contesto storico, dando un immagine più completa della cultura del passato” (Benjamin, W. 1966)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...