Pessoa – Il Poeta è un fingitore e Lettere a Ofelia – Edizioni Japadre – 1988

a cura di Giuseppe Taviani
da: Il Poeta è un fingitore

In una catabasi espressiva limpidamente ambigua-
ma che può manifestarsi anche in forme ambiguamente limpide –
la poesia di Fernando Pessoa sembra offrirsi e ritrarsi senza requie,
inarcata dall’ansia di svelarsi e insieme rintanata nei recessi del non -detto,
anzi dell’indicibile. Una poesia di dissidi irrisolti,
travagliata e complessata fin nella ricerca dei propri autori,
molteplici nell’unità, o del proprio autore,
unico nella molteplicità.
Questo


Dicono che fingo o mento
tutto quel che scrivo. No.
Io semplicemente sento
con l’immaginazione.
Non mi servo del cuore.

Tutto quel che sogno o passo,
che mi vien meno o finisce,
è come se fosse un terrazzo
su un altra cosa ancora.
E’ questa cosa che è bella.

Per questo scrivo nel mezzo
di quel che non è qui vicino,
libero dal mio incantesimo,
serio di quel che non è.
Sentire? Senta chi legge!

a cura di Giuseppe Taviani
da: Lettere a Ofelia
La follia, l’oscurità, ma anche il candore infantile,
il pudore estremo: l’ambiguo universo
pessoano racchiuso in questo carteggio amoroso,
importante documento dell’unica relazione sentimentale conosciuta 
del grande poeta portoghese, struggente testimonianza
della sua incapacità di
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...